cosa c'è nel miele

 

La composizione del miele è assai complessa e ad oggi le sostanze identificate sono oltre 300 ma ci sono sicuramente altre componenti  minori non ancora note.

Alcuni gruppi di sostanze sono sempre presenti, quali gli zuccheri, l’acqua, i sali minerali, gli acidi organici e gli enzimi, ma le loro proporzioni relative possono subire variazioni anche importanti in relazione alla composizione del nettare o della melata da cui il miele deriva.

I due zuccheri più importanti presenti nel miele sono i monosaccaridi glucosio e fruttosio che insieme costituiscono circa il 90 % degli zuccheri totali. Essi derivano direttamente dal nettare e dall'azione dell'enzima invertasi, secreto dalle ghiandole salivari dell'ape.

Nella maggior parte dei mieli il contenuto in fruttosio è leggermente superiore a quello del glucosio. Questo è un dato di grande importanza, poiché il glucosio è relativamente poco solubile in acqua e, di conseguenza, un contenuto elevato di questo zucchero determina una tendenza alla cristallizzazione (naturale indurimento) , mentre una maggiore concentrazione di fruttosio, molto solubile in acqua e igroscopico, conserva il miele allo stato liquido (per es. il miele di acacia, di castagno e la melata.)

Forse pochi sanno che il miele oltre ad essere dolce, per il vero non tutti, sono anche acidi  (per questo alcuni consigliano di consumarlo con qualcosa solido), grazie alla presenza di acidi organici per es. l’acido gluconico.

Altra componente molto importante sono le sostanze minerali quali il potassio, che è la componente più presente poi c’è clorozolfosodiocalciofosforomagnesiosilicioferromanganese e rame. Tali sostanze provengono dal terreno in cui vive la pianta visitata dall’ape.

Solitamente i mieli chiari sono poveri di queste sostanze mentre quelli più scuri, in particolare il miele di castagno e i mieli di melata, ne sono più ricchi.

Ci sono poi gli enzimi che svolgono l'importante ruolo di catalizzatori biologici. Poiché tali enzimi si degradano progressivamente nel tempo o in seguito a trattamenti termici, ( da evitare) la loro quantità può costituire un indice di freschezza e di genuinità del prodotto. Ed infine ci sono le vitamine seppur in quantità ridotte: esse sono del gruppo B e C.

 

Contatti

TERRE dei PICENI

Giancarlo Cimadamore

Contrada San Martino 12
63846 Monte Giberto (FM)

p.iva 01826640441

 

Telefono
0734-632715
335 8456901

info@terredeipiceni.it

Stampa Stampa | Mappa del sito
Giancarlo Cimadamore contrada San Martino 12 63846 Monte Giberto Partita IVA:01826640441 - cell 335-8456901