le uova sporche : vietato lavarle


uova sporche e la pratica del lavaggio

Il lavaggio delle uova è sempre sconsigliato perché nel pulire l’esterno, con acqua tiepida, si rischia di far penetrare attraverso la cuticola porosa del guscio dell’uovo, eventuali batteri patogeni. Quanto detto vale a maggior ragione se il guscio dell’uovo è lesionato. Nel caso di lavaggio le uova vanno subito asciugate e con cura. Pertanto è opportuno attenersi alla seguente regola: se l’uovo è sporco utilizzarlo solo attraverso la cottura e saremo sicuri che non ci farà male; se l’uovo è pulito può essere consumato anche crudo.

Nel pieno campo le galline sono lasciate libere di scegliersi dove fare i nidi e scelgono, ovviamente, luoghi nascosti e protetti dalla vista dei predatori ed infatti sono realizzati negli anfratti e qualche volta esposti alle intemperie. In caso di cattivo tempo le uova possono sporcarsi a causa degli stessi polli che potrebbero avere le zampe sporche di fango, oppure possono macchiarsi e prendere il colore del materiale che compone il nido. Per esempio il fieno bagnato scolora e macchia di  un color verdastro la cuticola dell'uovo. Difficilmente, anzi quasi mai, le galline sporcano le uova di feci perché non defecano mai sul nido: defecano durante il razzolamento e durante il riposo notturno. Il nido è sempre molto pulito e curato perché "pensando" che dovranno covarci le uova per 21 giorni ed ospitare i piccoli, non lo sporcano.

Le uova difficilmente si sporcano negli allevamenti razionali in gabbia o a terra. Negli allevamenti in gabbia le uova vengono deposte in nidi artificiali e le galline non restano in contatto con l'uovo dopo la deposizione. Negli allevamenti a terra spesso accade che al mattino le galline restino chiuse nel pollaio provvisto di nidi artificiali ed appena hanno deposto vengono lasciate uscire a razzolare in uno spazio più o meno limitato, e ciò accade verso mezzogiorno circa. In queste condizioni le uova difficilmente si sporcano ed è anche facile la raccolta da parte dell'allevatore.

Nel pieno campo le cose si fanno più difficili perché le galline sono completamento libere di muoversi, i nidi sono naturali e i polli ogni tanto cambiano postazioni di nidificazione e pertanto siamo costretti  a ricercare il nuovo nido. Questo ci obbliga ad un maggior lavoro e la qualità estetica dell'uovo qualche volta diminuisce a vantaggio però della "sostanza". Sono questi piccoli segni che, se si è in grado di interpretare, danno la misura della differenza qualitativa e “culturale/colturale” tra un uovo convenzionale ( da reddito) ed una proveniente da agricoltura contadina.

 

 

Contatti

TERRE dei PICENI

Giancarlo Cimadamore

Contrada San Martino 12
63846 Monte Giberto (FM)

p.iva 01826640441

 

Telefono
0734-631850
335 8456901

info@terredeipiceni.it

Stampa Stampa | Mappa del sito
Giancarlo Cimadamore contrada San Martino 12 63846 Monte Giberto Partita IVA:01826640441 - cell 335-8456901